FAQ

Déjà vù?

Le domande non ci spaventano!

Cos'è SOL® ?

SOL®  è inteso come “soluzione”.
Una SOLuzione che mancava per garantire altissima precisione alle impronte su impianti.
SOL è un concetto, dal quale deriva una sistematica comprendente accessori per l’impronta su impianti e la rilevazione della relazione intermascellare.

SOL® IMPRONTAFACILE è un transfer analogico o anche uno scan body per digitale?

Entrambe le cose.

Per SOL® s’intende un componente avente una particolare sagoma.
E’ un TRAMITE, ovvero:
nell’impronta analogica trasforma le criticità delle geometrie implantari in punti di rilevazione ideali per evitare tensioni ai materiali. In sostanza trasferisce il punto di rilevazione d’impronta eliminando sottosquadri e conseguentemente tensioni ai materiali, dopo di chè speciali accessori completano un processo di equilibrio tra parti.
nell’impronta digitale è un “punto zero”, una base stabile, un appoggio imprescindibile affinchè vari modelli di scan body possano rilevare ogni contesto con un costo d’acquisto molto basso.

Qualcuno ha asserito che chi utilizza il sistema è molto soddisfatto ma il costo è alto. Ora con la versione digitale bisogna aggiungere costi?

Esiste un costo e un valore.
I SOL® sono componenti aventi forma complessa e hanno un costo produttivo che si trasforma in valore nel momento in cui permettono di rilevare un’impronta perfetta per un circolare in dieci/quindici minuti (oltre al tempo per avvitarli).
Questo non si ottiene con nessun componente al mondo di pari resa.

Applicare ad esempio in poco tempo un full arch in carico immediato senza sostanziali ritocchi grazie alla facile e precisa realizzazione della masticazione, vien riferito tra i vantaggi.

Alla seconda domanda: No.
Per la versione digitale i componenti SOL® non cambiano.

a) I vecchi utilizzatori posseggono componenti per l’impronta su mua e questi son tutti uguali pertanto possono utilizzare gli stessi strumenti per il digitale.
Debbono solo aggiungere costi banali per scan body (a bassissimo costo).

b) A coloro che posseggono componenti per impronta a testa impianto e che hanno differenti altezze e angolazioni viene fornita una dima di riferimento e non dovranno comprare nuovi componenti. E’ il premio per la fiducia che han dato a una piccola e sconosciuta azienda.

Per la versione digitale quanti accessori del Sol o scan body esistono?

Esistono vari scan body, molto precisi e aventi costo contenuto grazie a una piccola strategia industriale:

a) uno scan body unico che sarà accessorio per i vari SOL, da quello dritto a quello angolato a 46° per zigomatici o pterigoidei e anche per rilevare il SOL® per Mua.
Per i già utilizzatori non sarà necessario comprare nuovi componenti.

b) Per Mua c’è un secondo scan body, differente dal primo perchè più basso.

c) Uno scan body per testa impianto (tradizionale)

d) Uno scan body attualmente in “Patent Pending” per la masticazione oltre che per l’impronta

Due nuovi monconi, uno dei quali appena brevettato per un particolare scopo saranno a breve a disposizione della clientela.

SOL® IMPRONTAFACILE versione analogica è uguale ai tanti dispositivi pick up in commercio?

Assolutamente no.
Il concetto è completamente diverso.

Questo errore di valutazione lo commette chi non entra nel merito di aspetti meccanici per fine protesico che danno anche un senso alla proposta di un sistema nuovo sul mercato.
Chi antepone il pregiudizio vede inibita la conoscenza di una complessità risolta.

Il meccanismo di funzione non è così semplice da intuire.

Ad esempio non c’è una cappetta che si aggancia a un componente (generalmente tronco/conico) e che dev’essere estratta a forza da un materiale.
Non c’è nemmeno una ritenzione esterna alla cappetta perchè anche questo può deformare un materiale d’impronta.
Tutto questo va contro a quello in cui abbiamo sempre creduto e che ci ha però fatto sbagliare.

Il concetto si comprende guardando dentro a un orologio: le “tolleranze” (calcolate imprecisioni tra gli ingranaggi) che sono state studiate per ottenere il tempo in modo preciso sono il segreto della precisione che si ottiene con la sistematica SOL® Improntafacile.

In un lavoro tra parti ciò che serve e risolve non è magia nè manovra violenta:  è EQUILIBRIO.

Nella versione analogica bisogna legare i dispositivi tra loro?

Splintare i dispositivi tra loro non è mai stata una soluzione.
E’ sempre stato un rimedio alla mancanza di validi strumenti di lavoro.

Da geometrie vincolanti non si esce senza inciampi o bloccaggi rigidi di parti metalliche che non si disconnettono se non con violenza.

I materiali per impronta non hanno bisogno di questo.

Non a caso qualcuno ha pensato di rivolgersi all’informatica.

Il SOL® si adatta a tutti gli impianti ?

Sì.
Al momento è prodotto su 55 piattaforme degli impianti di maggior diffusione e su Multi Unit.

Allora è tutto risolto. Un informatico ci insegna che attraverso uno scan body si legge una superficie e ottiene la precisione sempre.

Il digitale è stato una grande trovata.
Ha trovato equilibri per ottenere l’impronta.
Il lavoro diventa pulito e anche divertente soprattutto per i giovani che hanno una miglior capacità di apprendimento.
La ricerca dell’optimum non si è fermata all’industria ma milioni di utilizzatori hanno “smanettato” giorno e notte per riuscire chi a risolvere i propri problemi, chi a tentare di diventar famoso trovando con precisione riferimenti di assi implantari per un full arch.
La nuvola di punti, la trasformazione delle scansioni da parte di miscele di algoritmi e tante altre particolarità non permettono l’efficacia alla quale si aspira, quanto meno  nel medesimo tempo di lavoro che invece si ottiene con SOL®IMPRONTAFACILE.
Questo vale anche in buona parte dei casi anche per le masticazioni.

Quando il paziente è stanco e non apre la bocca i componenti passano?

Mani, componenti tutti e cacciaviti passano comodamente.

Per l’impronta analogica si utilizza un qualsiasi cucchiaio chiuso, di misura ridotta qualora il puntale dello scanner non passasse.

Anche per questa ragione gli scan body angolati possono essere utili.

Quanto materiale da impronta consumiamo rispetto alle tecniche convenzionali?

Decisamente meno.
Non serve molto materiale.
L’impronta non prevede strappo ma esce sempre dolcemente.
Il concetto è completamente diverso rispetto all’analogico tradizionale.
Non si spiega in poche righe.
Chiamando in azienda, su appuntamento rispondiamo a ogni dubbio o esigenza.

C’è il rischio di perdere le viti durante l’utilizzo? (Risposta con immagini)

No, la vite dei dispositivi per testa-impianto dritto e inclinato è contenuta nel corpo-dispositivo e non esce.

Solo i dispositivi per Multi Unit hanno la vite separata, ma con l’utilizzo del Portatore “ASSISTANT” per inserimento nel cavo orale, essa non esce.
cap sol - mua e driver .. -9 (FILEminimizer)

Come si riconosce la posizione implantare nella versione analogica?

Il SOL® possiede una cava nello spigolo superiore che serve a ricevere il lobo interno della CAP-SOL. Si accoppiano dolcemente in un’unica posizione. La forma dei componenti equilibra la centratura.
cap sol - mua e driver .. -9 (FILEminimizer)

È vero che SOL® permette di rilevare IMMEDIATAMENTE anche la relazione intermascellare del paziente?

L’utilizzo degli accessori OC-SOL, OC-MED e OC-VAR, permette di ottenere nella stessa seduta d’impronta anche la relazione intermascellare.
In vari modi, precisa, senza latero-deviazioni.
Il SOL® impedisce ogni movimento agli accessori che vengono uniti ad esso per appoggio e con sistema ad incastro fino a lasciare circa 2 mm di spazio nei confronti dell’arcata antagonista.
Tutto il campo operativo rimane a vista e il paziente non percepisce ingombro (talvolta motivo di perdita di controllo).

Questa misura è ideale per essere compensata con un silicone da occlusione o altro materiale (morbido perchè non sia percepito dal paziente, ma che lasci segni chiari al tecnico dopo l’indurimento).
OC .. -9 (FILEminimizer)

Un particolare scan body attualmente in “Patent Pending” sarà dedicato oltre all’impronta anche alla relazione intermascellare.

Contact Us
Documentation
Support
Office Hours